lunedì 4 febbraio 2008

Che pm10 che fa



Dalle scorse settimane dopo le proroghe dovute alle festivita' natalizie, sono entrati di nuovo in vigore in quasi in tutte le citta' i provvedimenti per la limitazione del traffico. In genere vengono adottati provvedimenti con la regola delle targhe alterne ma anche con blocchi giornalieri (Roma link qui e qui, reggio Emilia, qui e poi ancora alcuni : toscana, Palermo, marche, pescara.
Ma su quanto servano questi provvedimenti le conclusioni non sono facili. Il caso di Modena, qui, e qui,l'intervista a infomotori, qui. A Milano con l'Ecopass, i veicoli sono diminuiti del 23% (e del 40% quelli piu' inquinanti), per ora pero' i livelli di pm10 non sono (ancora?) calati, link qui. Anzi proprio la scorsa settimana si e' superata la soglia di attenzione (link qui) e nelle dieci giornate dal 19 al 28 gennaio, per ben 7 volte, il PM10 presente nella zona dei Bastioni ha superato i limiti di legge (link qui).

Secondo Veronesi in questo studio " Le auto Euro3 ed Euro4 hanno pochissime responsabilità nella diffusione delle polveri sottili. " Esse contribuiscono alla riduzione di pm10 solo del 3%.

Lo studio del network Apheis, pubblicato dal Journal of Epidemiology and Community Health , su 26 citta' europee, Roma risulta essere la piu' inquinata. Secondo la ricerca, se l'Ue adottasse i criteri raccomandati dall'Oms sui limiti all'inquinamento, ogni anno solo nella capitale italiana si risparmierebbero 1600 morti. Link qui.
Legampiente dice che
su 63 capoluoghi monitorati ben 50 hanno superato il limite medio giornaliero (5 microgrammi per metro cubo), link qui.

L'assessore all'Ambiente del Comune di Roma Dario Esposito, commentando lo studio di cui sopra, dichiara che i risultati ottenuti dallo studio danno riferimento a dati vecchi di anni perche' invece a Roma il livello di pm10 e' diminuito, link qui.

Per saperne di piu' su nanoparticelle qui e qui e nanopatologie : video del Dott. Montanari "Morire a norma di legge", soprattutto sugli inceneritori, qui (copiato da a ste).
Qui una intervista di ieri sulle nanoparticelle e polveri sottili al Dott. Montanari.

14 commenti:

ettore ha detto...

Sono le nanoparticelle che fanno veramente male. Non credo che le targhe alterne o altri provvedimenti possano risolvere veramente il problema. Comunque promuovere i mezzi pubblici magari elettrici gratuiti a mio avviso non sarebbe una brutta idea.

ciao paola

pabi71 ha detto...

se la gente riuscisse a spendere i soldi,invece che farseli mangiare dalle tasse,forse riuscirebbe a comprarsi macchine più ecologiche....ma lo stato ha come sempre più guadagno a far mettere il bollino blù ...a napoli,mi sembra,hanno fatto un servizio le iene tempo fa,le macchine del comune non lo hanno...
le targhe alterne e i giochini simili,non dico che non contino nulla,ma sono una presa in giro,al confronto dei rimedi che dovrebbe prendere lo stato su cose ben più fastidiose,come diceva ettore sopra,le nanoparticelle sono una cosa tremenda.

Riverinflood ha detto...

Condivido e sottoscrivo il commento di Ettore.
P.: sempre puntuale nel postare sulle emergenze. Ciao!

Alberto ha detto...

Ma all'estero cosa fanno? Non mi risulta che ci siano targhe alterne a Londra o Parigi.

davide ha detto...

in efffetti mi chiedo anche io come fanno nelle città europee, visto che si legge nel post che Roma risulta essere la citta più inquinante.

suburbia ha detto...

ettore infatti gia si parla di pm2,5 o pm1.
I mezzi pubblici gratuiti o a poco prezzo sarebbero una bella idea. Io li uso sempre (o la bicicletta) ma per andare al lavoro in una comune vicino mi e' impossibile
pabi non e' che l'industria ci investa poi neppure tanto...Che scelta hai se hai 10/15 mila euro. Nessuna. La toyota prius costa (compresi incentivi) non meno di 20 mila. Meglio farti comprare auto con euro 3 poi euro 4 poi euro 5 e chissa dove arriveremo
Quella storia del bollino a napoli mi sa che l'avevo vista. Che tristezza :-(
river e tu attualissimo sulla situazione politica. Insomma volendo mica ci mancano argomenti
alberto e davide mi prendete alla spovvista. A parte le mascherine per pechino non so molto. Cerchero di informarmi di piu'

fausto ha detto...

credo che alla base non si voglia risolvere il problema, le targhe alterne e le limitazioni per i veicoli inquinanti sono in realtà strategie incentivanti alla crescita del mercato automobilistico, di volta in volta la soglia viene gradualmente alzata, anno dopo anno, step by step sottovalutando l'impatto ambientale delle auto rottamate. Anche il parere dei vari Veronesi andrebbe valutato attentamente in quanto molti di loro sono sovvenzionati dalle industrie petrolifere e spingono in altre direzioni. La realtà è che nelle grandi città ci vorrebbe una rete di trasporti pubblici adeguata: a Roma nel 2008 stiamo ancora aspettando la terza linea metropolitana...

butred77 ha detto...

In Italia il problema traffico è smog c'è da Campione d'Italia a Lampedusa, tranne che in qualche rara eccezione... il nostro sistema è basato sulla crescita del PIL e rimanere congestionati nel traffico paradossalmente fa aumentare il PIL, quindi di conseguenza secondo questo sistema noi dovremmo stare meglio!!!!! Quindi il traffico è dovuto essenzialmente all'ignoranza della nostra classe politica e amministrativa...

Nicola Andrucci ha detto...

veronesi mi è sembrato un po' fuori di testa. Oppure sotto c'è altro e si chiama DENARO

suburbia ha detto...

fausto quoto. Su Veronesi sono piu' scettica di te...
butred vero. Per questo non credo nella crescita infinita. In un sistema finito e' da pazzi o da economisti :-)
Nicola si chiama "sponsor"

Luca ha detto...

Qui abbiamo appena cominciato una "lotta" perchè vogliono costruire (in gran segreto fino all'ultimo e appaltato in un attimo)il quarto trmovalorizzatore del Lazio dietro casa nostra. Il tutto nel cuore del Parco Regionale dei Castelli Romani, in pratica a due passi anche dalla residenza papale di Castel Gandolfo (noi poveri fessi credevamo
che essendo attaccati
al Pontefice potessimo esser più "protetti"...invece no,intossicheranno pure lui). Saranno polveri beate! Già, perchè gli inceneritori,perchè sono tutti tali (gassificatori,termovalorizzatori etc), liberano PM 2,5.Ao,fermi tutti.Aridatece le PM 10!!! Comunque venendo al post. Io credo che ci siano alcuni mezzi pubblici vergognosi. A Roma spesso mi è capitato di rimanere fuori dall'anello verde e poi farmi certe respirate di gasolio da sturbo. Autobus che non sanno neppure cosa sono bollini blu e controlli affini.Ma?!Ciaooo

suburbia ha detto...

E qua in lotta da anni per impedire la costruzione del secondo "termovalorizzatore" della citta' (in regione non ci voglio neppure pensare quanti sono)
E considera che abbiamo dei livelli di raccolta differenziata che sfiora il 40%.
I mezzi pubblici invece sono "abbastanza" ecologici a metano o gasolio verde. E poi anche 2 linee di filobus.
Il Papa ci salva dall'inferno... ma non dall'inquinamento :-) e dalle polveri terrene.
ciao

Luca ha detto...

Raccolta differenziata? Cos'è?!?
Vocabolo non presente in questo angolo di terra italiana. Siamo al di sotto del quarto mondo...ai Castelli Romani ricicliamo il 4%.'Na cifrona! Meglio incenerire, più conveniente (a loro).Ciaooo!

suburbia ha detto...

luca solo il 4%?? Davvero poco . Sapevi che la legge 27 dicembre 2006, n. 296 poneva come obiettivo il 40% da raggiungersi entro il 31 dicembre 2007. Per sapere tutto sui rifiuti, guarda qua
ciao