mercoledì 6 febbraio 2008

Attenti al lupo



Il paniere Istat si aggiorna. Ecco le principali novita': si toglie l'hamburgher e si mette l'insalata lavata, si toglie la treccia di fili per il cucito e si metteno i giochi per la console, si abbassa il peso delle spese per abitazione, acqua, elettricità e combustibili e si mettono i navigatori satellitari.
(Il tutto secondo criteri di importanza e coefficienti di ponderazione).
E finalmente entra a far parte anche la crema per il corpo che si aggiunge a quella per le mani e per il viso.
Certo che si fa una bella fatica a contenere l'inflazione....
Link qui, qui, qui e qui.

5 commenti:

Alberto ha detto...

"si abbassa il peso delle spese per abitazione, acqua, elettricità"
Ma come? Queste spese sono basilare per il calcolo del costo della vita.

Riverinflood ha detto...

Questo paniere che una volta si chiamava più correttamente "caropane" è una gran... lasciamo perdere. Ecco una cosa che bisogna eliminare con un governo serio: tutta le "pesanti" oggettistiche del paniere e sostituirle con le cose che costano realmente e ce ne sono...
Ciao.

davide ha detto...

Il titolo è azzegatissimo Attenti al lupo.
L' Istat cambia il paniere ma in peggio, tanto vale lasciare quello che c'era, non misura correttamente l'inflazione, ma non abbassa il peso di luce, acqua, combustibili, neanche il nuovo paniere sembra misurare correttamente l'inflazione.

suburbia ha detto...

alberto infatti. certo e' molto piu' comodo mettere i giochi per consolle. Non sai le file di pensionati che aspettano l'ultimo sparatutto per playstation....
river hai perfettamente ragione. ciao
davide in effetti ricorda tanto uno che vuol far risultare un certo valore e in base a quello decide che mettere e che togliere. Infatti non misura bene e ogni tanto tirano fuori l'inflazione "percepita" ossia quella che hai l'impressione che sia comprando le cose che ti servono. Quest'ultima e' sicuramente piu' vicina a quella reale

<--ste--> ha detto...

eh eh è un giochetto vecchio come il cucco....i dati ufficiali sull'inflazione hanno sempre fatto ridere i sassi....
ciaoo