lunedì 22 settembre 2008

Season open



Da ieri alle 6.00 e' aperta la stagione della caccia che chiudera' il 31 gennaio 2009.
Piu' di 700.000 le doppiette pronte a far fuoco su uccelli e ungulati.

Costi: per porto di fucile uso caccia è di 173,16 euro che vanno direttamente nelle casse del ministero delle finanze a cui bisogna aggiungere una addizionale regionale e territoriale che puo' andare dai 64,56 euro in Lombardia di 64,56 euro (tesserino per la zona di Milano ammonta a 139 euro), fino ai 250 euro per alcune zone dell'Emilia Romagna.

Articolo 842 codice civile, qui.


Pro:
Per il ministero delle Politiche Agricole si tratta di una realtà economicamente importante per il nostro Paese : 45 mila posti di lavoro, 3.900 nella sola produzione di armi e munizione.


Contro:
Sull’apertura della stagione venatoria interviene anche la Lac (Lega per l’Abolizione della Caccia). «Il danno maggiore - dicono - si concretizzerà nell’abbattimento degli uccelli migratori (tordi, merli, colombacci). La caccia in Liguria ha già portato sull’orlo dell’estinzione la pernice rossa, il gallo forcello nelle aree alpine ponentine e la lepre. Il calendario venatorio autorizza, in pratica, l’abbattimento di un numero di animali enormemente superiore a quello presente sul territorio».



Cosa pensano gli italiani della caccia:

Referendum 3/4 GIUGNO 1990
CACCIA: ABOLIZIONE NORME
% votanti: 43,4 % SÌ: 92,2 % NO: 7,8
CACCIA: ABOLIZIONE ACCESSO AI FONDI PRIVATI
% votanti: 42,9 % SÌ: 92,3 % NO: 7,7

Referendum 15 GIUGNO 1997
CACCIA: ABOLIZIONE ACCESSO AI FONDI PRIVATI
% votanti: 30,2 % SÌ: 80,9 % NO: 19,1

(i 2 referendum non hanno raggiunto i quorum)

Sondaggio People/SWG 10/2001 ottobre 2001.
Domanda:
Lei è favorevole alla caccia di piccoli uccelli, ad esempio passeri e fringuelli?”
8% Favorevole 87% Contrario 5% Non sa/non risponde

Sondaggio Regionale Lazio Taylor Nelson Sofres Abacus sui Parchi, novembre 2002
Domanda: "Le aree dove è attualmente consentito cacciare andrebbero ampliate o ridotte?"
70% Ridotte 22% Lasciate così 8% Non sa

Sondaggio regionale Piemonte Istituto di Ricerche Albors novembre 2002
Domanda : Attualmente la legge permette ai cacciatori di entrare nelle proprietà private, come fondi o terreni
agricoli, anche se il proprietario non concede il permesso. Lei è favorevole a obbligare il cacciatore a ottenere
l'autorizzazione del proprietario per l'accesso ai suoi terreni, come deve fare qualsiasi cittadino?
88,5% Favorevole 8,7% Contrario 2,2% Non So 0,6% Non Mi Interessa
Domanda : Gli uccelli migratori, a differenza di altri animali, sono una ricchezza condivisa da più paesi. Secondo
lei deve essere vietata la caccia a tutti gli uccelli migratori?
89% Si 6,3% No 4,4% Non So 0,3% Non Mi Interessa

Sondaggio Abacus nazionale sull’abolizione della caccia febbraio 2003
Domanda 1: È favorevole all’abolizione della caccia?
72% SÌ 22% NO 6% NON SO
Domanda 2: In caso di referendum andrebbe a votare?
81% SÌ 14% NO 5% NON SO

Link qui, qui e qui.

20 commenti:

Ross ha detto...

La caccia si è aperta da poco più di 24 ore e nella mia zona pare che due cacciatori si siano già impallinati a vicenda, per fortuna senza gravi conseguenze.
Ditemi, si può essere più scemi di così?

Riverinflood ha detto...

Io dai cacciatori sono praticamente accerchiato visto che vivo in collina: questi sparano a conigli e volatili. Nella malaugurata ipotesi che sbaglino mira, mi auguro soltanto che si impallinino tra di loro. Questo per dirti che sono atrocemente contro i cacciatori.

Viviana B. ha detto...

Questo e questo già fanno riflettere, io credo.
Poi, se si da un occhio alle tue statistiche, mi pare più che chiaro quale sia il pensiero degli italiani in merito...
Ciao!

pocoto-pocoto ha detto...

Secondo me il problema è sempre dovuto all'educazione di noi tutti (in questo caso i cacciatori). Non sono molto favorevole alla caccia, però penso che se dovessimo impedirla dovremmo anche andare contro la pesca, dove si vedono persone peggio dei cacciatori)che in mare fanno danni gravissimi.

Il tuo blog è molto bene strutturato. Se ti va possiamo scambiarci i link.. ciao
http://initalia67.blogspot.com/

Davide ha detto...

contrario alla caccia, comunque dalle mie parti ieri era pieno, si sentiva sparare dalle prime ore del mattino.

Ciao

Pierangelo ha detto...

Oggi sto un po' sboccato.

Riguardo agli incidenti di caccia: non esistono solo i fringuelli. Bisogna stare attenti all'uccello padùlo...

...e dato che, come tutti sanno, l'uomo è cacciatore, come avrebbe affermato il Conte Uguccione, possiamo approfittare che tutti questi machi stanno a fare i rambo in campagna, per trombare le loro mogli e le loro fidanzate in santa pace.

tommi ha detto...

Un'abitudine per idioti frustrati.

fausto ha detto...

mi dispiace soprattutto per il gallo porcello...ehm...forcello.

suburbia ha detto...

Ross, River e Viviana avete posto l'accento sul fatto che siano frequenti gli incidenti di caccia con conseguenze piu' o meno gravi.
Giusto per fare la "battutaccia": Darwin la chiamerebbe in un altro nome. :-)
Viviana infatti dalle statiste si evince proprio che agli italiani la caccia proprio non piaccia. Percentuali bulgare.
ciao
pocoto educazione e anche numero. Si, Probabilmente ci sono anche delle persone che lo fanno in modo "saggio" lontano dagli abitati uccidendo solo prede
vecchie e magari la regione utilizza i soldi dei cacciatori per rinverdire/ripulire i parchi e le aree.
Pero' questo ahime' sembra essere la minoranza (dei cacciatori!, per le regioni tutta questa attenzione per i parchi e le aree di ripopolamento io non la vedo).
Davide io abito in citta' e il problema almeno direttamente mi evita. Ma immagino che sentir sparare dal mattino fuori casa possa anche essere fastidioso. Minimo. Ciao
Pierangelo All'uccello padulo bisogna stare attenti anche se non si va a caccia... coi tempi che corrono.
Il conte Uguccione si (ri)guarda sempre volentieri.
Sboccato? E a noi ci vai bene come sei.
tommi :-)
fausto dispiace per tutti gli animali.
Il gallo forcello mai sentito nominare. E quello porcello mai sentito.... si sara' gia' estinto.

giadatea ha detto...

sono contro la caccia ma ammetto la mia debolezza per un piatto di cinghiale al vino.

Alberto ha detto...

In generale sono contro la caccia. Ma quando si è letteralmente assediati dai cinghiali che distruggono le colture cosa si dovrebbe fare? Devo anche precisare che qui in Liguria ormai non son più veri cinghiali ma porcastri che figliano due volte l'anno con nidiate di quattro e più cinghialotti. Prima, i cinghiali veri, figliavano una sola volta con massimo due cuccioli. L'anno scorso feci una domanda provocatoria agli ecologisti riguardo ai cormorani.

Viviana B. ha detto...

Appunto, percentuali bulgare. Peccato solo che vengano lasciate cadere inascoltate...
Posso dire, poi, che sono d'accordo con pocoto-pocoto nell'asserire che, se si vietasse la caccia, andrebbe vietata anche la pesca, visto che tanto ci sono cacciatori imbecilli che impallinano qualunque cosa si muova (inclusi altri cacciatori...) esattamente come ci son pescatori che, pur di tornare a casa col "trofeo" infiocinano o pigliano all'amo qualunque essere vivente. Una tristezza! :-(

Viviana B. ha detto...

@ Alberto
Non so come sia la situazione in Liguria, ma so com'è in Lombardia - alcuni miei conoscenti sono guardie venatorie - e posso asserire che i cinghiali sono un problema perchè tale lo si è fatto diventare.
Mi spiego: anni fa i cacciatori cacciavano cinghiali senza rispettare alcuna regola, così i cinghiali sono diminuiti fin quasi a scomparire. Allora i cacciatori si son lamentati, perchè mancava la selvaggina e loro non pagavano il tesseramento annuale solo per far passeggiate nei boschi...
Così si è pensato bene di introdurre cinghiali dall'Est europeo. Questi, incrociandosi coi pochi esemplari autoctoni rimasti, hanno originato dei "supercinghiali", estremamente prolifici, raggiungono ragguardevoli dimensioni e, soprattutto, non temono l'uomo. Quindi si avvicinano agli abitati, distruggono recinzioni ed intere colture.
Ora si fanno le cosiddette "cacce di selezione", tese a mantenere più o meno costante il numero di questi animali, ma l'errore è stato fatto a monte, abbattendo indiscriminatamente i predatori naturali dei cinghiali ed importando poi esemplari allcctoni.
Questo, almeno, stando a quanto mi riferiscono i sopra menzionati conoscenti/guardie venatorie.

suburbia ha detto...

giadatea e Alberto Non so perche' mi viene alla mente una vignetta del Il mago Wiz (titolo originale Wizard of Id)
Tavola 1:
Primo Messaggero: "Sire, Sire, il popolo ha sete!".
Tavola 2:
Secondo Messaggero: "Sire, Sire: i mostri del fossato hanno fame!".
Tavola 3:
Sire: "Intravedo una soluzione..

A parte gli scherzi vietare al 100% forse e' esagerato, anche se penso che la natura si possa regolare da se (uomo escluso pero') Immagino pero' che importare qualche leone per tenere a bada i cinghiali non e' una buon a soluzione...
In quanto ai cormorani, ti assicuro che qualche anno fa avrei tranquillamento votato (e anche partecipato) per lo sterminio dei piccioni :-)
Viviana non so di pescatori cosi infimi.. la consideravo una pratica relativamente innocua.
Per esempio per pescare in mare, so per certo, che ci devi vivere di quell'attivita'; se no usi una lenza e basta.
Sicuramente meglio lo sport.

Viviana B. ha detto...

Sub, purtroppo anche la pesca, così come la caccia, non è innocua. Ci sono pescatori di frodo esattamente come cacciatori di frodo e, se da un lato ci sono ancora individui che utilizzano gli archetti, dall'altro ci sono pescatori che non rispettano i periodi di fermo biologico e si riducono a pescare persino gli avannotti...

suburbia ha detto...

Viviana hai perfettamente ragione.... sono io che cerco sempre di vedere il lato bello delle cose.
Ciao

pabi71 ha detto...

CONTRO,CONTRO E ANCORA CONTRO.

suburbia ha detto...

pabi mi sembri un po' contrario, :-)

Luisa ha detto...

Di male in peggio.
Ecco una notizia che credo interesserà qui

suburbia ha detto...

Luisa grazie per questo aggiornamento.