sabato 29 novembre 2008

Fucili (verdi) fritti



Finisce domani 30 novembre, la settimana europea per la riduzione dei rifiuti, partita il 22 novembre.
Per la prima volta ha partecipato anche l'Italia. La campagna, nata in Francia e coordinata a livello europeo dall’Associazione Città e regioni per il riciclo e l’uso sostenibile delle risorse (ACR) in collaborazione con l’Unesco, persegue l’ambizioso obiettivo di ridurre ad almeno 100 kg all’anno la quantità di rifiuti procapite prodotta in Europa, con ricadute positive sull’ambiente e sulle tasche dei consumatori.
La quantità media di rifiuti prodotta ogni anno da ciascun cittadino europeo ammonta infatti a circa 600 kg l’anno, con la conseguente necessità di un numero sempre maggiore di strutture idonee alla loro raccolta e trattamento e relativi costi sociali. Il 40% di essi poi è costituito da imballaggi.
Link qui, qui, qui e qui

Gioco: La rivista Focus ha messo sul suo sito un gioco che insegna a smaltire correttamente i rifiuti di casa (cucina, sala, bagno) e giardino: la casa dei ricicloni.

(*) il titolo e' riferito al libro per fatto dai bambini di una scuola di Terano in cui, leggo dal web, qui e qui,"Fucili fritti" e' l'anagramma di "Rifiuti riciclati".
Pero' non e' vero!

2 commenti:

Riverinflood ha detto...

"Pomodori verdi fritti alla fermata del treno", bellissimo film il cui titolo mi ricorda questo dei fucili fritti, anagramma imperfetto.
L'idea di ridurre di 100 kg pro-capite i rifiuti domestici è ottima ma imperfetta, come l'anagramma. Ci va qualche altra cosa, presumo, che convinca sul serio chi non è educato a questo. (Il link dei "ricicloni" dà errore).
Ciao e buona domenica

suburbia ha detto...

River concordo. Per arrivare a 100 kg effettivamente servono politiche e sinergie comuni.
Link sistemato!