lunedì 14 aprile 2008

Titanic , ...---... (*)


(*) . . . - - - . . . sos in Morse.

Aspettando i risultati, scaramanticamente scongiuriamo un affondamento, ricordandone un altro: la sera del 14 aprile 1912 (esattamente 96 anni fa) si consumava la tragedia del Titanic.

La storia, qui e qui.
Una nuova teoria sull'affonfamento dice che il Titanic viaggiava alla massima velocita' a causa di un incendio a bordo, qui.

12 commenti:

davide ha detto...

troppo tardi stiamo affondando , la storia si ripete non è un incendio non siamo finiti contro un gigantesco iceberg ma stiamo finendo contro un piccolissimo nano, alle scialuppe di salvataggio presto..

novalis ha detto...

Il SOS è stato lanciato, speriamo che qualcuno ci venga in soccorso, ... ma la speranza si sta lentamente sciogliendo.

fausto ha detto...

io mi trasferisco nella sala da ballo...stanno suonando Nearer, My God, to Thee

pabi71 ha detto...

in questa giornata di affondamenti....
anche io ho messo il post del titanic.
Un saluto a presto.

Riverinflood ha detto...

tre punti tre linee tre punti = SOS
Sotto le armi ho avuto la ventura di imparare l'alfabeto Morse. Bellissima tecnica. Ma non appena congedato ecco che si era già passati all'audiofonia, e finirono così i miei sogni di telegrafista.

Pierangelo ha detto...

@riverinflood:
Mi hai strappato dal subconscio questa bellissima canzone di Jannacci. Peccato che non trovo nessun video.
No, no, l'ho trovato: eccolo!

@suburbia:
"Si schianta contro l'iceberg a dritta, giusto? E procede a sobbalzi, provocando delle falle tipo codice Morse, dit-dit-dit, lungo la fiancata, sotto la linea di galleggiamento. Poi lo scomparto di prua comincia ad allagarsi. Ora, mentre il livello dell'acqua si alza, trabocca dalle paratie stagne, che, sfortunatamente, non superano il ponte E. Perciò, mentre la prua va giù, la poppa si solleva, all'inizio lentamente, poi sempre più velocemente, finché la nave si ritrova con tutto il culo per aria. Ed è un culone enorme, stiamo parlando di venti, trentamila tonnellate, okay? Ora, lo scafo non è progettato per sopportare una tale pressione, perciò che succede? Si spacca, dritto giù fino alla chiglia, e la poppa cade all'indietro, in piano. Poi, mentre la prua affonda, trascina giù con sé la poppa verticalmente, e poi, finalmente, si stacca. Ora, la parte posteriore rimane lì a ballonzolare come un tappo di sughero per qualche minuto, si allaga e finalmente affonda intorno alle 2:20 del mattino, due ore e 40 minuti dopo la collisione. La parte della prua plana, fermandosi a circa mezzo miglio di distanza. Viaggia a circa venti, trenta nodi quando si schianta contro il fondale marino. Una ficata, eh?"

E finora abbiamo visto soltanto la punta dell'iceberg!! Un iceberg a forma di suppostone, come il famoso grattacielo di Barcellona. My heart will go on, forse, ma il morale striscia per terra.

Ross ha detto...

PLUF!

(Non è il Titanic, purtroppo).

gaz ha detto...

Afffffondati..... :-(

suburbia ha detto...

davide davvero si ripete.. e le scialuppe di salvataggio non bastano per tutti.
novalis un sos disperso nell'etere; speranza completamente squagliata, sigh
fausto questo si che si chiama essere ottimisti
pabi gia'. Tristemente attuale, ciao
marconista river anche me ha sempre affascinata, soprattutto dopo che Eva era riuscita a comunicare in questo modo a Diabolik :-)
pierangelo mi sembra di cogliere un sottile sarcasmo... :-)
(Il suppostone e' davvero bruttino)
ross GURGLE (non so se e' corretto, suono onomatopeico per un risucchio nel gorgo marino)
Gia' non solo il Titanic, ciao
gaz sigh, sigh. ciao

Alberto ha detto...

Stamattina su Repubblica parlano anche di bulloni scadenti.

tommi ha detto...

non ha funzionato.

suburbia ha detto...

alberto del resto che furono senza scrupoli non stupisce.. anche le scialuppe erano sottodimensionate
ciao
tommi purtoppo no, ciao