mercoledì 12 settembre 2007

A qualcuno piace caldo ?

http://earthobservatory.nasa.gov/Newsroom/NasaNews/ReleaseImages/20050111/01_class-pic.jpg

E' iniziata oggi, 12 settembre la conferenza Nazionale sul Clima (12-13 settembre a Roma, presso la sede della FAO).

Di soli 2 giorni fa la notizia sull'evoluzione che potrebbe avere il mare Adriatico a causa del clima ( link qui e qui ) e di qualche giorno fa uno studio che prende atto che i cambiamenti climatici hanno ridisegnato il profilo dello stivale. Il 37% dei litorali sabbiosi è arretrato negli ultimi 35 anni. 1.500 chilometri di costa non sono più come erano stati disegnati nelle carte geografiche e la loro linea dovrà essere nuovamente tracciata. Cambiano anche i confini delle città: il cemento ha invaso il litorale con un incremento delle zone costiere urbanizzate del 60% in soli 10 anni (dal 1990 al 2000). Le zone umide nell'ultimo secolo sono diminuite dell'80%. Sono salve solo le lagune e zone costiere comprese in aree protette. Anche la geografia delle montagne italiane appare diversa, con una diminuzione dei ghiacciai del 30% della loro superficie e del 50% del volume negli ultimi cento anni.

Per seguire gli argomenti e anche in video l'intero evento, qui.

Il surriscaldamento della terra è evidente: «aumentano le alluvioni, la siccità, aumenta il livello del mare, si alzano le temperature», ha spiegato Harcharik nel suo discorso di apertura della Conferenza.

Altri link sulla notiza qui, qui, qui e qui.

8 commenti:

DEMA ha detto...

Si, ma però io non so che farci.
O meglio, faccio molto (poco).
La mia auto consuma appena.
Non compro beni di lusso e mi vesto uguale da 10 anni.
Non guardo la tv. Non fumo.
Faccio lo spazzino ne la "giornata ecologica".
Dio uccida i migliardari, ecco la unica soluzione.

fausto ha detto...

e prima di ucciderli faccia in modo che sottoscrivano un testamento a mio favore! ;)
ciao.

< me > ha detto...

il mio ottimismo � proverbiale, anche su questo argomento: credo che, in quanto sistema vivente, il pianeta terra abbia avuto un momento di inzio e inesorabilmente avr� un termine. tutto qua. ci sono cose che sfuggono all'umana comprensione e all'umano intervento (pa fortuna...).

< me > ha detto...

maledetti tag o comecazz si chiamano, i repeat:
il mio ottimismo e' proverbiale, anche su questo argomento: credo che, in quanto sistema vivente, il pianeta terra abbia avuto un momento di inzio e inesorabilmente avra' un termine. tutto qua. ci sono cose che sfuggono all'umana comprensione e all'umano intervento (pa fortuna...).

< me > ha detto...

maledetti tag o comecazz si chiamano, i repeat:
il mio ottimismo e' proverbiale, anche su questo argomento: credo che, in quanto sistema vivente, il pianeta terra abbia avuto un momento di inzio e inesorabilmente avra' un termine. tutto qua. ci sono cose che sfuggono all'umana comprensione e all'umano intervento (pa fortuna...).

paola ha detto...

dema anche per me e' lo stesso. faccio tanto individualmente ma poi mi scontro con chi dovrebbe fare di piu'. Raccolta differenziata, uso l'auto il meno che posso ma poi vedo che anche magari oer costruire un ospedale nuovo nella mia citta' manco si sono presi in considerazione almeno dei pannelli solari. Se non ci si impegna a livello internazionale quello che puo' fare il singolo, si sara' mai sufficiente.
fausto e un po' anche a mio favore :-)
me certo che ha un suo ciclo e sono sicura che vivra' tantissi altri anni, anche dopo di noi (meglio). Pero' non sono sicura che non ne stiamo accelerando la caduta.

novalis ha detto...

Anche se in silenzio, ti tengo sotto-osservazione... ciao, grazie della tua presenza.

paola ha detto...

novalis e grazie anche a te di aver lasciato traccia. ciao