mercoledì 9 luglio 2008

Intervallo


Sto guardando i vari interventi del NoCav:
Video Camilleri, Ascanio Celestini , Grillo, Travaglio 1,2, Borsellino, Colombo.


6 commenti:

pabi71 ha detto...

ho visto qualche estratto video in giro e ho visto la puntata di Matrix ieri sera era ospite Veltroni,devo dire che mi è piaciuto.
Non voglio dare la colpa a DiPietro su quello che la Guzzanti ha detto,lo stimo DiPietro,ma durante la trasmissione un suo portavoce,alla domanda di Mentana a Veltroni se voleva ancora Tonino,veltroni ha detto che lo vuole se non fa più politica alla Grillo,e il portavoce ha detto che Tonino sceglie la piazza...non so immaginavo che non tornasse sui suoi passi,anche perchè dalle cose che ha detto la Guzzanti lui si è subito dissociato...ci risiamo,anche se la sinistra non è più al governo,c'è sempre una sinistra dentro la sinistra...
un saluto.

suburbia ha detto...

pabi una brutta faccenda... in piazza si sa che magari si usa qualche tono un po' sopra le righe (non vorremo scordarci "con il tricolore ci puliremo il xxx" e altre perle??). Forse si doveva separare la parte prettamente politica dalla parte satirica, perche' potesse avere maggior risalto e si potesse discutere degli importanti temi e questioni che sono al limite della costituzione. Anche se con quello che combina il cav sinceramente e' difficile dire la verita' senza cadere nella farsa.
Ho poi avuto un resoconto completo e puntuale da chi in piazza c'era davvero e non era sembrata tutta sta' cosa. Poi ovviamente se quella parolina la ripeti su tutti i tg fa' un altro effetto.
Matrix non l'ho visto; ultimamente mi concentro solo sulle sedute parlamentari.... quello che succede fuori (nei tg e in tv), spesso, non e' reale.
ciao e buona giornata

Pierangelo ha detto...

Segnalo qui la lettera di Sabina Guzzanti al direttore del Corriere della sera.

Segnalo anche l'opinione di Dario Fo:
"La satira è un atto di rifiuto e come tale non può che essere acceso, è una contro-aggressione che risponde allo smacco del potere con uno sghignazzo che non può essere elegante. La satira è nata per capovolgere l'ordine delle cose, per mettere il re in mutande. Il linguaggio della satira non può che essere virulento, sfacciato, insultante. Questo è l'unico modo civile per rispondere ad un potere che usa una violenza inaudita, che approfitta della sua posizione per sfottere fino in fondo la gente. E poi non è vero che la gente si indigna quando sente certe cose: ho visto il video della manifestazione e il pubblico rideva anche alle battute più pesanti"

suburbia ha detto...

pierangelo grazie.
E sulla scia di Fo ricevo proprio ora in mail:

Clamoroso sondaggio: un terzo degli elettori con gli “estremisti” di piazza Navona
di Paolo Flores d'Arcais


Renato Mannheimer ha pubblicato sul “Corriere della sera” del 13 luglio un sondaggio clamoroso sulla manifestazione di piazza Navona. Sulla base di un campione rappresentativo – per sesso, età, titolo di studio, professione, area geografica, ampiezza del comune di residenza - dell’intero corpo elettorale, solo il 55.3% giudica la manifestazione negativamente, il 15,3% non esprime giudizi, e un incredibilmente alto 29,4% la giudica positivamente.
Si badi, questi giudizi non vengono espressi sulla base di una conoscenza diretta di quanto avvenuto a piazza Navona (una diretta tv, per esempio), ma di una informazione (per la maggior parte degli italiani esclusivamente televisiva) che ha violentemente manipolato e distorto i fatti, ha “demonizzato” l’evento, ha cancellato come inesistente la maggior parte degli interventi, e ha ridotto quella che – se fosse giornalismo - dovrebbe essere una cronaca imparziale, ad alcune battute estrapolate da due interventi di due comici.
Malgrado questo, malgrado la tv abbia fatto di tutto (e di più) per presentare la manifestazione come ignobile, vergognosa, estremista (senza mai dire nulla dei suoi veri contenuti), le cifre del giudizio del corpo elettorale lasciano felicemente sbalorditi. Proviamo a confrontare i numeri di Mannheimer con i risultati elettorali di alcuni mesi fa. Il 15,3% che si astiene dal giudizio corrisponde, se si votasse, a chi non si reca alle urne, o vota scheda bianca e scheda nulla. Perciò il 29,4% che approva la manifestazione equivarrebbe, in termini di voti validi, al 34,7%. Il partito di Veltroni, alle scorse elezioni, ha ottenuto il 33,2.
Altro che estremisti isolati, dunque. Oltre un terzo del corpo elettorale che si esprime, sta dalla parte di piazza Navona. Neppure ai tempi di piazza san Giovanni nel 2002 il riscontro di opinione era stato tanto positivo. E allora i cittadini avevano potuto seguire la manifestazione in diretta su “La7” e i telegiornali, benché non abbiano praticato neppure allora una “imparzialità anglosassone”, erano restati ben lontani all’indecenza di manipolazione del TgUnico dei giorni scorsi.
Ma ancora più clamorosi sono i dati di Mannheimer nella loro forma disaggregata, riferita ai vari settori del corpo elettorale. Sempre trascurando gli astenuti, e quindi ricalcolando le percentuali in relazione ai soli “voti validi”, il 23% degli elettori leghisti (praticamente uno su quattro!) “vota” per piazza Navona. E a favore della manifestazione si esprime perfino il 14% degli elettori di Berlusconi/Fini (probabilmente molti di più tra gli ex di Alleanza nazionale che non di Forza Italia). E’ evidente, insomma, che un’opposizione coerente e intelligente, capace di mostrare come “giustizialismo” e “garantismo” siano due facce di una sola medaglia, quella di una intransigente POLITICA DELLA LEGLITA’, può strappare consensi popolari, di massa, nello schieramento opposto, tra cittadini illusi dalle sirene populiste ma rapidamente delusi (se l’opposizione si oppone, anziché dialogare e offrire puntelli) dalla evidente logica dell’interesse “particulare” di Berlusconi a cui si piega tutta la sua coalizione.
Infine, tra noi “estremisti” di piazza Navona (ripeto: nella versione demonizzante delle tv) e Veltroni che quella manifestazione condanna, la maggioranza degli elettori di Veltroni non ha dubbi, sta con piazza Navona, 48,2 contro 39,2, il che, ricalcolato senza tener conto del 12,4 di astenuti, significa 55% con piazza Navona contro il 45% col segretario del Pd. Che dunque, contro un candidato di piazza Navona, perderebbe oggi le primarie dentro il suo stesso partito!
Chi ha parlato di fallimento della manifestazione, e di irresponsabilità di chi l’ha promossa, ha materia su cui riflettere, se gli resta ancora qualche oncia di buonafede. Perché un conto è sostenere che in una manifestazione politica si preferirebbe ascoltare certi accenti e toni piuttosto che altri, fin qui siamo nel campo delle preferenze soggettive (io stesso ho le mie, molto nette). Un conto è parlare di fallimento e di irresponsabilità, con il che, in genere, si pretende di dare un giudizio “oggettivo”, che trascura le intenzioni (anche le migliori) e guarda alle conseguenze, ai risultati (voluti o non voluti, previsti o non previsti: non averli saputi prevedere costituirebbe, appunto irresponsabilità).
I risultati sono ora sotto gli occhi di tutti. Lo stesso Mannheimer ne sembra impressionato, e riconosce che “un orientamento critico verso l’operato del Cavaliere … sta emergendo anche all’interno la maggioranza” il che “rappresenta un fatto nuovo nel panorama politico che si è evidenziato proprio a seguito dell’evento di piazza Navona” (sott. mia).
Tutto questo grazie all’impegno di quattro gatti per un paio di settimane, impegno che è bastato a far da catalizzatore alle infinite energie sopite della società civile democratica, che si sono rapidamente auto-organizzate con generosità e sacrificio personale.
Che cosa potrebbe fare un’opposizione degna del nome, con le gigantesche risorse del Pd e non dei quattro gatti, lo capisce chiunque. Ecco perché ho parlato tante volte di “inciucio per omissione”. Ma temo che ora Veltroni, D’Alema, Rutelli, di nuovo in reciproco sgambetto permanente, abbiano deciso qualcosa di peggio: l’alleanza organica con il Partito di Cuffaro (pseudonimo: Udc). Speriamo che i militanti del Pd sappiano - prima che il Pd sia definitivamente ingaglioffito a nuova Dc - lanciare l’ultimatum: “Usque tandem abutere patientia nostra?”.


(14 luglio 2008)

Pierangelo ha detto...

Qui ho riportato il video dell'intervento di Dario Fo ed il testo della favola che ha raccontato.

Per noi che crediamo ancora alle favole.

Ciao!

suburbia ha detto...

Pierangelo Grazie.
Per forza ci crediamo... la morale e' sempre attuale (pessimismo post-Gabanelli)
Ciao